giovedì 22 giugno 2017

Decluttering tessile

Ora ho finalmente la certezza di non essere più convocata per gli Esami di Stato, e lentamente sto iniziando a rilassarmi. 
In questi giorni abbiamo a casa un ospite tedesco e le cose da fare certamente non mancano, ma è anche molto gradevole poter parlare in tedesco tutti i giorni. 



Avrei voglia di proseguire con un decluttering drastico, ma anche per quello servono delle buone forze, che in questi giorni mi mancano per una stanchezza accumulata e per le notti poco riposanti di questo ultimo periodo. 

Ho deciso di affrontare un nuovo tipo di decluttering, che continuo a rimandare, quello tessile. 

La prima area di semplificazione riguarda gli innumerevoli stracci che possiedo. Vorrei usare solo quelli in microfibra e riuscire ad eliminare tutti quei veccchi strofinacci, straccetti vari che continuo a tenere e a riutilizzare. 

Il modo migliore per iniziare è stato per me, rendermi conto di quanti ne avevo. Allora, come suggerisce Marie Kondo, è importante riunire tutti gli oggetti che si possiedono e decidere quali tenere e quali eliminare. Da una ricognizione sono risultati essere almeno 20!!! E poi io uso quasi sempre quelli in microfibra che sono in totale 6. 
Ho preso quindi la risoluzione di usare alcuni stracci vecchi e sfruttarli come fossero usa e getta. Dopo averli usati li butterò via immediatamente, in questo modo già almeno tre se ne sono andati. 

Parlo di decluttering del tessile, perché mi ritrovo ad avere diverse tende che ho acquistato appena arrivata nella casa nuova e che non sto davvero usando...sto valutando se regalarle o cambiarle con più frequenza. Vedrò.

Infine mi ritrovo anche con diversi tappeti e tappetini, da bagno e non. Li ho esaminati tutti e sto cercando di decidere se lasciarne andare qualcuno in più, magari pensando di donarli a qualche rifugio per animali. 

Ecco quindi che, nonostante la stanchezza, riesco a procedere a piccoli passi e magari anche a programmare per i giorni futuri. 

E voi come siete messe con il reparto tessile?  Fatemi avere i vostri commenti. 

lunedì 19 giugno 2017

Swapping al posto del decluttering: la mia prima esperienza

Foto di Gloria KASZYCZKY - Levico Terme - Festa dei fiori 2017
Questa settimana ho fatto una nuova esperienza grazie ai gruppi su Facebook. Nel tentativo di non fare acquisti inutili avevo chiesto in un gruppo di scambio se qualcuno avesse un soffiatore da giardino che non usava più. Il motivo per cui non voglio acquistarlo è che mi serve per raccogliere le foglie delle siepi dei vicini, e non mi pare giusto spendere soldi per fare un lavoro che non spetterebbe a me. 
Avevo ottenuto un contatto ma senza seguito. Questa settimana la persona che mi aveva contattato chiede se qualcuno avesse un digitale terrestre disponibile, allora è scattata la proposta: scambiare un decoder che per me era inutile, con il soffiatore che per lei era inutile. Scambio effettuato, non ho diminuito il numero di cose che possiedo, ma mi sono liberata di un oggetto inutile, per avere qualcosa che mi serviva.

Nel semplificare ho imparato anche questo, non acquistare un oggetto nuovo, se puoi prenderlo in prestito o trovarlo usato perché inutilizzato da altri. Non acquistare continuamente oggetti nuovi, fa bene all'ambiente e ci aiuta a risparmiare. 

Grazie al decluttering precedente in garage, ho trovato il giusto posto per il soffiatore, stesso numero di cose ma solo oggetti utili. 
Buona settimana a tutti. 

giovedì 15 giugno 2017

Progressi decluttering in garage e riflessione



Foto Gloria Kaszyczky- Festa dei fiori-Levico Terme

In questo periodo non riesco a pubblicare molto, ma condivido su Facebook vecchi post, che vi assicuro sono utilissimi per me in primis. Soprattutto mi è di aiuto notare che in questo periodo i sentimenti sono molto simili a quelli degli altri anni: molte arrabbiature ed irritazioni per le ingiustizie che vedo nel mio lavoro. 
Non ho ancora imparato a lasciare correre, ma me la prendo ogni anno. Forse un giorno riuscirò ad imparare.

Ho concluso la sfida dei quaranta giorni e sto proseguendo con costanza, sono riuscita anche a fare progressi in garage, come mi ero prefissata. Ho regalato un ombrellone, che giaceva inutilizzato da anni, ad un centro diurno per disabili. Ho venduto un accessorio per idropulitrice, praticamente mai usato.

In casa sto passando in rassegna l'abbigliamento estivo, sia mio che dei miei figli, eliminando ciò che non va più bene, o è troppo rovinato. Con questo processo, mi sono accorta di avere bisogno di fare qualche nuovo acquisto, ma credo che aspetterò i saldi, spendendo qualcosa in meno ma comprando prodotti di qualità. 

E voi come state? Proseguite la sfida? Lasciatemi i vostri commenti.