lunedì 11 novembre 2013

Il principio di Pareto - 80/20 Principle -Consiglio 7




Nel  1906 ci fu un economista italiano di nome Vilfredo Pareto, che notò come ogni anno circa il  20% delle piante di piselli del suo orto producesse  80% del raccolto. Questo lo portò a riflettere sull'economia su base più ampia. Iniziò a trovare che in numerose società, industrie e compagnie l'80% della produzione era dovuto all'area  più produttiva che corrispondeva al 20 % del totale. Questo principio venne conosciuto come Principio di Pareto o  principio dell' 80/20.
Esso afferma che 80% dei risultati provengono dal 20% dello sforzo. Questo principio è stato molto usato in campo economico, nella gestione manageriale dove si è scoperto che il 20% dei clienti forniscono l'80% del fatturato.

Gli esempi sono infiniti e naturalmente nessuno ha mai misurato con precisione se la percentuale fosse proprio del 20% e non del 22% o 19%, ma a grandi linee il tutto corrisponde e si ripete in diversi ambiti. 
Solo poche persone hanno però pensato di applicare questo principio alla propria vita quotidiana e alle diverse implicazioni che può avere.

Per esempio:
Qual è il 20% delle cose che possiedi che apprezzi di più o ti rendono di più? 
A cosa dedichi  il 20% del tuo tempo  e che ti dà l'80% della felicità?
Chi sono il 20% delle persone che ti sono accanto e che ti rendono più felice? 
Quali sono il 20%  degli abiti che indossi  l' 80% delle volte?
Qual è il  20% del cibo che mangi l'80% del tempo?

E' molto probabile che siano delle domande facili da rispondere per te. Solo che non ti sei mai fermato a considerarle. Una volta che hai dato le tue risposte potrai facilmente concentrarti  per cercare di aumentare l'efficienza nella tua vita.

Per esempio se l'80% delle persone con le quali passi il tuo tempo ti danno solo il 20% di piacere (passa meno tempo con loro).

L'80% delle cose che usi il 20% delle volte potrai buttarlo via, o venderlo. L'80% degli abiti che usi il 20% delle volte pure, potranno serenamente essere eliminati e tenere solo quello che usi veramente e che ti fa sentire bene. Sarà molto più facile vestirti al mattino.

Identifica il  20% del cibo che mangi  80%  del tempo e scoprirai il perchè hai una dieta sana  e quanto sana è. A cosa serve una dieta?  Basta assicurarti che il 20 % del cibo che mangi 80% delle volte sia sano.
Riconoscere queste cose può portare a dei grandi cambiamenti nelle nostre scelte e nel nostro stile di vita, se le attività nelle quali spendiamo troppo tempo sono poco produttive, posssiamo cercare di aumentare quelle invece più proficue e che ci piacciono di più. Lo stesso vale per come spendiamo i nostri soldi.

Questo principio può essere applicato anche al lavoro. Quali attività occupano la maggior parte del tuo tempo ma portano poco ritorno? (continuare a controllare le email, scrivere promemoria)
Qual è invece il  20%  del tuo lavoro che ti dà 80% del merito e del riconoscimento da parte del tuo team o del tuo capo?

Infine il principio può essere applicato alle emozioni e alle relazioni. Qual è quel comportamento che causa 80% di problemi nella coppia? Qual è il 20% delle conversazioni che crea più intimità con il tuo  partner?
Si tratta di domande importanti che la maggior parte di noi nemmeno considera. Non ci capita che ci sia efficienza in ogni aspetto della nostra vita e in ogni cosa che facciamo. Ma possiamo prenderci la responsabiltà e cercare di migliorarla.
Quali cambiamenti potresti apportare alla tua vita basandoti sul principio 80/20 ?
Non è necessario vivere rigidamente rispettando questo principio, ma se ci pensiamo bene esso può essere un utile strumento, una lente che ci permette di riconsiderare alcuni aspetti della nostra vita. Siediti  e pensaci un po' su. Probabilmente ti stupirai delle conclusioni alle quali puoi arrivare.
Personalmente è stato utilissimo per riconsiderare il mio guardaroba, ho avuto un motivo in più per liberarmi di quell' 80% di capi che non usavo mai, e rivalutare quel 20% che uso sempre volentieri. Magari acquistando qualche accessorio che mi permette di usare meglio quello che mi piace, variando un po' le combinazioni.

Lo stesso vale per le attività che mi piacciono molto, cerco di ridurre ciò che non amo fare e trovare più tempo per quello che mi dà gioia. Cerco di spendere più tempo con le persone che amo e e che sono significative per la mia vita. Sto ancora lavorando su quegli aspetti della mia relazione che portano alla maggior parte delle tensioni. Questo richiede ancora un po' di lavoro, ma siamo sulla buona strada. 
Confido che anche questo post sia utile per tanti come lo è stato per me. Pensateci un po' e sentitevi liberi di condividerlo.
Alla prossima
Elena
Giorno 7: Riordina il comò/armadio
Il nostro comò è stato pensato per la biancheria, ma a volte anche oggetti a noi cari, carte ed altre cianfrusaglie finiscono lì. Oggi passa un po' di tempo a rimuovere tutte quelle  cose che non vanno lì e lascia solo la biancheria.

1 commento:

  1. Principio che amo moltissimo, ma non avevo mai pensato a Pareto applicato al decluttering :-)
    Bellissimi spunti!

    RispondiElimina